Blog di viaggi in Sardegna

Archeologia, Area di Sassari, Domus de Janas

La Roccia dell’Elefante come raggiungerla

la roccia dell'elefante

La roccia dell’elefante è un grosso masso di roccia vulcanica erosa dalle intemperie che ha conferito alla roccia l’aspetto di un enorme elefante alto quattro metri.

«Chi da Castelsardo percorre la via Nazionale che conduce a Sedini, d’un tratto si trova di fronte ad uno strano spettacolo. Un gigantesco elefante, tre volte più alto degli enormi mamhut preistorici, par che esca dalla giungla e s’incammini verso la montagna.»

Edoardo Benetti studioso del 1914 descriveva così il suo incontro con questa  roccia, attribuendole per la prima volta la forma di elefante.

Questo enorme masso non ha solo una grande importanza paesaggistica e turistica ma anche archeologica infatti nasconde al suo interno numerose domus de janas, ovvero sepolture preistoriche risalenti alle civiltà prenuragiche datate intorno al III millennio a.c.

Numerosi turisti si fermano a vederla lungo la strada che da Castelsardo conduce a Sedini, ma quasi tutti ignorano il suo più affascinante mistero, ovvero la presenza di raffigurazioni di due protome bovina nelle pareti scolpite sulla roccia.

l’immagine del Toro è il simbolo di forza e vitalità molto presente nelle varie raffigurazioni sacre sia delle sepolture sarde che nei rituali di alcune  antiche civiltà mediterranee.

Tutto il territorio è ricco di numerose testimonianze archeologiche, alcune leggende narrano di un eventuale maremoto che seppellì un territorio molto attivo e popolato dalle civiltà nuragiche e  prenuragiche, infatti tra le montagne sono numerosi i sedimenti marini e le conchiglie fossilizzate rinvenute nel sottosuolo. 

Gli antichi sardi usavano realizzare queste sepolture in luoghi ritenuti sacri, ma il sacro per un antico era insita nella bellezza della Madre terra, non a caso la roccia stà ai margini di una bellissima vallata panoramica, che potrebbe aver ispirato questi antichi popoli del mistero.

GALLERIA IMMAGINI ROCCIA DELL’ ELEFANTE

  • la roccia dell'elefante
  • la roccia dell'elefante
  • la roccia dell'elefante
  • la roccia dell'elefante

Come arrivare alla roccia dell’elefante

Per poter raggiungere la roccia si deve percorrere la s.s 134 di Castelsardo che collega castelsardo a Sedini, in prossimità dell’incrocio che porta sulla sp 90 che conduce a Valledoria.

La roccia ben visibile dalla strada è accessibile a tutti.

Lascia una risposta