Blog di viaggi in Sardegna

Archeologia

Menhir della Sardegna Perdas Fittas

pranu muttedu

I Menhir della Sardegna sono imponenti pietre che fanno parte del fenomeno del Megalitismo che ha coinvolto un po’ tutto il mondo a partire dal Neolitico fino all’epoca nuragica.  (4500-1500 a.c.)

Il nome menhir deriva dal bretone men hir ovvero pietre allungate, in sardo sono comunemente chiamate Perdas Fittas ovvero pietre fitte, si trovano in maniera molto diffusa in tutto il territorio sardo, in alcuni casi in allineamenti rettilinei, in altri in circolo, vicini agli edifici sacri e allineate astronomicamente con le fasi lunari e solari,  altre volte isolati nel nulla.

La funzione dei Menhir della Sardegna è ancora un mistero, probabilmente avevano una funzione sacrale, spesso decorati e scolpiti con singolari rilievi, erano rappresentativi di antenati vissuti in passato e venerati per ottenere fertilità abbondanza nei campi. Ancora oggi alcune credenze popolari dicono che sfregare il ventre della donna porta buon augurio al futuro nascituro.

Alcune teorie probabili considerano i menhir come dei marcatori territoriali ovvero punti di incontro che localizzavano delle zone precise utili per orientarsi.

Il menhir sono diffusi in tutto il mondo Asia, Africa ma soprattutto in Europa occidentale, in Bretagna raggiungono i venti metri di altezza.

I Menhir ed i Cromlech di Pranu Muttedu

In Sardegna l’area a più alta concentrazione si trova a Pranu Muttedu a Goni distante circa 50 km da Cagliari in tutto si contano 60 monoliti sparsi sotto un bosco di sughere.

In questa grande necropoli molti menhir sono diffusi in cromlech ovvero in formazioni circolari utilizzate come calendario astronomico per contare le fasi lunari.

Il cromlech più famoso in tutto il mondo è lo Stonehenge che si trova in Inghilterra sito archeologico tra i più visitati al mondo.

pranu muttedu
ARCHEOLOGIA

I Menhir di Laconi

A Laconi sono state ritrovati circa cento menhir sparsi in tutto il territorio e sulla valle dei menhir,  ma soprattutto interessante il museo del paese che racchiude i più significativi, con le svariate raffigurazioni simboliche incise sulla pietra, molte delle quali rappresentano un dibattuto mistero.

Lascia una risposta